Skróty klawiszowe:

Dzisiaj w Zawierciu
Wkrótce

Collaborazione con l’estero

Strona główna » Zawiercie » Collaborazione con l’estero

KAMIENIEC PODOLSKI
UCRAINA

Kamyanets Podilsky – è un comune di 100 mila abitanti situato nella parte sud-ovest dell’Ucraina sull’Altopiano Podolico.
Distanze in macchina da Kamyanets Podilsky: 390 km a Kijev – capitale dell’Ucraina, 264 km a Leopoli , 490 km a Odessa, 522 km a Varsavia. L’aeroporto il più vicino si trova a Chmielnickie (100 km) ed a Leopoli c’è l’Aeroporto Internazionale (264 km).
Kamyanets Podilsky fu fondato nel 1360. Possede le costruzioni storiche uniche che nella classifica dell’Ucraina si trovano al alto – terzo posto, sotto l’aspetto storico ed architettonico subito dopo Kijev e Leopoli. La città può lodarsi di 170 punti orientativi storici e culturali tra i quali il più importante è il Castello Vecchio – il simbolo di Kamyanets Podilsky.
Offerta educativa comprende:
11 scuole elementari, secondarie di 1° grado, di 2° grado e sopratutto le scuole superiori – Università Statale, Accademia Agraria, Istituto Militare di Commercio e di Legge, Accademia Regionale d’Amministrazione di Personale.
Il settore principale dell’economia è l’industria rappresentata per 30 grandi imprese, tra le quali 11 si occupano delle costruzioni, 7 - della produzione del cibo, 2 - dell’industria leggera, 3 - della produzione della merce minerale non metallica, 4 - della produzione di metalli, 1 - della produzione e del rifornimento di combustibili e di energia elettrica. Ci agiscono 700 Piccole e Medie Imprese. In città si trovano 16 succursali delle banche più importanti dell’Ucraina.



PONTE LAMBRO
ITALIA

Storia: Il nome viene dal fiume Lambro che attraversa il comune. La storia di questa località fu citata nei tempi romani, invece il ponte sul fiume Lambro viene dal medioevo.  La più importante prova che essa viene dal IV secolo dopo Cristo, sono i reperti archeologici a „Cascina Schieppo”, dove sono trovate le tracce di esistenza sul territorio di Ponte Lambro di un insediamento romano. I reperti archeologici sono stati realizzati su commissione e sotto sorveglianza del comune di Ponte Lambro e della Comunità Montana Triangolo Lariano, dell’Ufficio Lombardo di Archeologia; in seguito sono stati trovati: resti dei muri di diffesa, monete e oggetti d’uso quotidiano. Questa collezione è presentata nel Museo Civico a Como.
La storia della città ed il suo sviluppo procedeva insieme con i processi dell’industrializzazione. Iniziando dalla viticoltura a Lezza che era la proprietà dei monaci di San Bernardo, attraverso i mulini cinquecenteschi sul fiume Lambro, finendo sulle ferriere, e poi la carta fabbricata da 700 anni a Busnigallo e le manifatture dei tessuti che hanno utilizzato la propulsione idrica. Nelle cronache storiche del XIII secolo apparisce la notizia del castello Mazzonio chi fu costruito dal sovrano locale - Arduino. Attualmente è rimasta la torre con le cannoniere. Il monumento importante è la chiesa di - Santa Maria Annunziata; la sua facciata probabilmente secondo il progetto di Simone Cantoni in stile barocco e la scala classicistica, l’entità della costruzione del carattere monumentale e poetico.
Cenni geografici: al nord - est della città di Erba, nella distanza di 15 km da Como e 65 km da Milano. La provincia di Como, la regione: Lombardia. La superficie di 3,81 km², di questo 2/3 sono rivestite di Montana ed il resto è habitato da 4065 abitanti. Altezza: tra i 290 e i 1.155 metri s.l.m. Appartiene alla Comunità Montana Triangolo Lariano.
Cenni occupazionali: 1.147 persone lavorano nelle aziende statali e privati fra l’altro nell’industria - 701. Le più grandi aziende sono: la filatura di cotone e l’azienda che produce i tessuti spalmati in P.V.C. i quali vengono poi utilizzati per la confezione (fra l'altro) di borse sportive, promozionali e per valigeria.
Manifestazioni culturali: annuali „Sagra di Lezza” e anche „Artificium” sono il mercato e le mostre, che hanno luogo nella parte anticha di Ponte Lambro e ottocentesco parco Villa Guaita. In più è organizzata la festa dello sport – la terza domenica di giugno.


EBENSEE   
AUSTRIA

Si trova nella distanza di 56 km a est da Salzburg. Comprende 8878 abitanti, superficie di 194 km² (quarta per quanto riguarda tutto Land Oberösterreich). Altezza 425 metri s.l.m, tra due cime: Sonnstein (1038 metri) e Schönberg (2093 metri), sul fiume Train. In più si trova tra 3 laghi: Traunsee, Langbathsee, Offensee. Il funicolare su Feuerkogel (1549 metri s.l.m.). Le notizie storiche sono del 1607, e da 1768 funzionava come il comune autonomico di confessione. Nel comune si trovano:  cava di pietra, fabbrica di ammoniaca e di sodio. La città ha il carattere turistico, i suoi atout sono non solo la localizzazione, ma anche la base turistica e la ricca proposta di passare il tempo libero. Da ottobre 2000 Ebensee è la città partner di Zawiercie. Tra le città si svolge regolarmente lo scambio della gioventù. In maggio 2003 i giovani di Zawiercie, Prato ed Ebensee hanno partecipato nel progetto finanziato per la Commissione Europea nell’ambito del programma Town Twinning intitiolato: „Partenariato senza frontiere”. Durante i „Giorni Europei di Zawiercie – My Europe”(28 – 30 maggio) oltre la delegazione di autogestione della quale facevano parte tra l’altro Josef Piontek, Franz Kornberger, si è presentato il gruppo rock „32 Twenty”.
La pagina internet: www.ebensee.at
Da 1987 Prato è la città partner di Ebensee. L’associazione per la collaborazione ha la sua pagina internet: www.prato-ebensee.at

 

 

DOLNÝ KUBIN
Slovacchia

La città Dolný Kubin è la vecchia sedia del centro amministrativo della provincia di Dolný Kubin, il centro culturale di Oravia. Per la prima volta Dolný Kubin apparisce nel documento di 6 gennaio 1314. Nel 1632 ha ottenuto l’importanza della cittadina. La città è piccola al riguardo del numero degli abitanti (19.945 di persone, dati del 2004), ma importante per il patrimonio culturale della nazione slovacca. Si trova a nord-ovest di Slovacchia (è situata nella valle di Orava sul livello di 468 m s.l.m., ma l’insediamento si trova anche 550 m s.l.m.). La città ha la localizzazione geografia molto vantaggiosa ed attrattiva. Ci portano gli itinerari che uniscono i paesi baltici con i Balcani, con l’Europa Centrale e il regione degli Appennini. Il territorio di Dolný Kubin è composto da alcune vecchie città che sono oggi i suoi quartieri, come: Veľký Bysterec, Malý Bysterec, Beňova Lehota, Záskalie, Jeląava, Mokraď, Kňažia, Medzihradné e Srňacie. A Dolný Kubin sono nati o hanno agito tante personalità slovacche, come: Janko Matúąka, autore delle parole dell’inno nazionale, il più grande poeta slovacco Pavol Országh Hviezdoslav, amatore e collezionista dei libri Vavrinec Čaplovič, medico e scrittore Ladislav Nádaąi Jégé, parroco e attivista nazionale Andrej Radlinský.

Ricordi storici e monumenti della città:
  • Chiesa gotica a Dolný Kubin del XIV s.
  • Mercato del medioevo
  • Casa d’amministrazione del XVII s.
  • Edificio di pietra a due piani di prima metà del XVIII s. nel quartiere Záskalie
  • Chiesa del barocco murata a Kňažej di seconda metà del XVIII s.
  • Chiesa evangelica di confessione augustana della fine del XIXs.
  • Chiesa cattolica appostolica romana del XIXs.
  • Villa rustica a Malom Bysterci nello stile empire del primo trentennio del XIXs.
  • Case popolari tra altre casa dei tintori a Kohútovom sade, nella duale ha vissuto l’attivista culturale T. H. Florin)
  • Edificio della scuola commerciale del 1888
  • Edificio per la biblioteca Čaploviča del 1906 con il monumento di Hviezdoslava
  • Cimitiero dov’è stato seppellito tra altri Leopold Bruck, Jan Matúąka, Baltazár Demián, Samuel Novák, ed il più celebre poeta slovacco Pavel Országh Hviezdoslav
  • Museo P. O. Hviezdoslava
  • Galeria di Oravia

A Dolný Kubin si organizza i concorsi di tutta Slovacchia concorsi di recitazione di poesia e di prosa – Hviezdoslavov Kubín (dal 1954), internazionale festival di musica “Čírenie talentov”, festival di belle arti “Bohúňova paleta”, e nello sport si consegna i premii Fair-play MUDr. Ivan Chodák.

Più d’informazioni sulla pagina della città www.dolnykubin.sk.

  • Związek Samorządów Polskich
  • Rada Miejska w Zawierciu
  • Wydział Bezpieczeństwa i Zarządzania Kryzysowego
  • Lokale użytkowe do wynajęcia
  • ZAWIERCIE - CZYSTA GMINA
  • Platforma Konsultacji Społecznych Urzędu Miejskiego w Zawierciu
  • Uniwersytet Dziecięcy w Zawierciu
  • Zawierciański Senior
  • Portal mapowy miejscowych planów zagospodarowania przestrzennego w wersji wektorowej
  • Straż Miejska
  • Zawiercie w liczbach
  • Obwieszczenia
  • Współpraca z organizacjami pozarządowymi
  • Ostrzeżenia meteorologiczne
  • Dla Dzieci i Rodziców
  • Projekty edukacyjne
  • System Informacji Przestyrzennej Geoinfo 6
  • Herb i logo miasta
  • Zawierciańska Karta Dużej Rodziny
  • Fundusze Strukturalne
  • Mapa AED w Zawierciu

Urząd Miejski w Zawierciu
ul. Leśna 2, 42-400 Zawiercie

tel.: +48 32 494 12 65, fax +48 32 67 215 13
e-mail: urzad@zawiercie.eu

Portal internetowy Urzędu Miejskiego w Zawierciu. Zawiercie jest miastem leżącym w sercu Jury Krakowsko-Częstochowskiej. Niewątpliwym atutem miasta jest bliskość aglomeracji śląskiej. Wykorzystując swe położenie, Zawiercie od kilku lat wzmacnia swój wizerunek jako centrum obsługi ruchu turystycznego dla Jury, przez co przyciąga nowe inwestycje i pobudza przedsiębiorczość wśród mieszkańców Zawiercia i okolic.
Poleć stronę
Zapytanie
Facebook
Wersja mobilna